Ilaria Pasqua - Writer and more...

 "Oltre la superficie della pagina s'entrava in un mondo in cui 
  la vita era più vita che di qua" 
 Italo Calvino 

Il mio Blog Post New Entry

Ender's Game (G. Hood, Usa 2013)

Posted by Ilaria Pasqua on December 26, 2014 at 3:00 AM


                     "Non si è mai pronti, ma lui è pronto abbastanza"


                                     


 

Ender Wiggins è un dodicenne brillante che viene selezionato per essere addestrato insieme ad altri giovani alla Battle School, un’accademia situata nello spazio. La guerra potrebbe scoppiare da un momento all’altro e i ragazzi sono l’unica speranza, per questo si allenano a complesse simulazioni e giochi per prepararsi alla brutale realtà.

Gli alieni, in questo caso un incrocio tra formiche e scorpioni, già in un primo attacco erano arrivati a uccidere milioni di terrestri.

Al comando c’è il Colonnello Graff, è lui ad essere convinto delle capacità di Ender ed a spingerlo nell’addestramento.

      


Ender’s Game è l’adattamento dell’omonimo romanzo di Orson Scott Card, un cult del genere young adult, visto che è datato addirittura 1985, molto prima che questa definizione prendesse piede.

Sullo schermo la storia rivive scrollandosi tranquillamente gli anni di dosso, è ancora molto attuale e coinvolgente. Il personaggio di Ender è un ragazzino che cerca a ogni costo l’equilibrio tra la forza, rappresentata dal fratello Peter, e i sentimenti, impersonati invece dalla dolce e fragile sorella Valentine. Oltre a scrutarsi dentro dovrà fare i conti con le persone che lo circondano, con la loro invidia, e il peso delle responsabilità, oltre a scendere a patti con la guerra che li avvolge ma non tocca. I ragazzi sono ben nascosti in questa realtà fatta di pistole che sembrano giocattoli, in sfere senza gravità, in scenari che sembrano videogiochi, e nonostante l’incredibile serietà degli addestramenti, e la coscienza dei ragazzi, quella è solo una simulazione, per quanto perfetta.

Il percorso di Ender è chiaro sin dall’inizio, eppure si segue con grande gusto, grazie ai continui cambiamenti di ambiente che costringono il ragazzo a riabituarsi, e così noi spettatori.

Le simulazioni sono altrettanto gustose, semplici alla base, ma credibili nell’utilizzo di strategie e affini.

     


Il gruppo di ragazzi funziona bene, e altrettanto bene Asa Butterfield, che ormai si avvia sulla strada dell’adolescenza.

Ho trovato Harrison Ford imbalsamato e a tratti a disagio, nonostante il personaggio sia interessante: un uomo che utilizza i giovani per la guerra e che non è in grado di riuscire a vederli come bambini, ma quasi solo come macchine che devono conseguire un risultato. E poi c’è Viola Davis, sempre brava anche se qui un po’ sacrificata.

Il finale è esageratamente affrettato e compresso, quasi forzato, si sente che lì sono stati fatti i maggiori tagli, e pesa nella riuscita del film, ma nel complesso funziona e intrattiene molto bene per due ore.


Trailer italiano:

 


You need Adobe Flash Player to view this content.

 


 

Trailer originale:

 


You need Adobe Flash Player to view this content.

 


 


 

Categories: - Dicembre 2014