Ilaria Pasqua - Writer and more...

 "Oltre la superficie della pagina s'entrava in un mondo in cui 
  la vita era più vita che di qua" 
 Italo Calvino 

Il mio Blog Post New Entry

Un giorno di pioggia a New York (W. Allen, Usa 2019)

Posted by Ilaria Pasqua on September 27, 2020 at 2:00 AM


                 "Mi serve il monossido di carbonio per vivere"


                                


Trama:

Una coppia di studenti lascia il college per passare un weekend piovoso a Manhattan, ma il loro legame verrà sin da subito messo a dura prova e la vacanza romantica si trasformerà in tutt'altro. 


Lo sappiamo un po’ tutti che Woody Allen “ultimamente” non se la sta cavando un granché bene col cinema. E dico ultimamente solo perché è Mr. Woody Allen, perché qua si parla di decenni ormai di inaridimento, di personaggi, temi, storie, situazioni viste e riviste, rimasticate e sputate fuori con nuovi volti, senza che il nostro riesca a distanziarsene, incastrato in un cerchio di narcisismo da cui evidentemente non riesce(non vuole) a uscire. Insomma, riproponendo ogni anno film di cui a volte, detta crudelmente, si potrebbe fare a meno. Però è Woody Allen, e finisce sempre che ogni nuova uscita si guardi, per curiosità, con una punta di speranza persino…

Quindi, dopo questa premessa, ho recuperato anche questo.

       

 

Un giorno di pioggia a New York parte da una vacanza, un po’ come tutti i precedenti film del buon vecchio Woody Allen (Barcellona, Venezia, Londra… Parigi). Stavolta siamo a New York, una New York luccicante ma molto meno cartolinesca delle precedenti ambientazioni versione vacanza, forse (fortunatamente) perché questa è la sua città ed è stato in grado di allontanarsi vagamente dagli stereotipi per concentrarsi un po’ di più sui suoi personaggi, in questo caso più “vivi” del solito.

Il film segue i percorsi che corrono in parallelo di Gatsby, ricco giovane dal cuore vintage che viene dalla grande metropoli, intelligente e con un forte desiderio di libertà, e Asleigh ragazza invece di campagna pronta a lasciarsi ammaliare e trascinare da figure equivoche alla ricerca dello scoop, è infatti una giornalista in erba pronta a tutto per il successo, e che di quello che Gatsby le vuole mostrare, l'anima antica della sua bella città natale, non ha nessun interesse.

I due, come è prevedibile, si separano non appena arrivati nella grande mela e faticano a ritrovarsi, in tutti i sensi possibili; sono troppo diversi tra loro e in questa vacanza che in tutte le maniere immaginavano che andasse, tranne quella, ritroveranno se stessi e la giusta strada da percorrere.

       


Ciò che ho trovato voluto - anche se forse non sembra - ma riuscito, è lo sguardo di Woody Allen su questa gioventù completamente fuori dal tempo; tra citazioni, interessi vari e persino il nome del protagonista, tutto sembra richiamare un mondo che non esiste se non nell’anima, nel cuore del regista, nella sua memoria persino. E anche la città stessa segue questa linea, assume questa forma eterea, lontana dal moderno, dalla contemporaneità, si nota negli spazi scelti per fare da sfondo ai dialoghi incalzanti (anche se a volte davvero troppo fuori sincrono con l'oggi per suonare reali) dei protagonisti: sale di musei, Central Park, piani bar, locali retrò… luoghi senza tempo, mitologici persino.

Gli attori sono azzeccati e bravissimi, se c’è una cosa in cui il buon Woody non sbaglia mai è proprio la scelta dei suoi “alter ego”. Timothée Chalamet sicuramente e ancora di più Elle Fanning, passando anche per una convincente Selena Gomez.

 

In conclusione, Un giorno di pioggia a New York, seppure soffra delle critiche sopra citate, risulta gradevole e a tratti fresco, nonostante tutto.


Trailer italiano

Trailer originale

 

 


Categories: None

Post a Comment

Oops!

Oops, you forgot something.

Oops!

The words you entered did not match the given text. Please try again.

Already a member? Sign In

0 Comments