Ilaria Pasqua - Writer and more...

 "Oltre la superficie della pagina s'entrava in un mondo in cui 
  la vita era più vita che di qua" 
 Italo Calvino 

Il mio Blog Post New Entry

The Founder (J.L. Hancock, Usa 2016)

Posted by Ilaria Pasqua on October 11, 2020 at 12:55 AM

"Il McDonald's sarà la nuova chiesa americana. E poi non è aperto solo di domenica"

                                     


Trama:

La vera storia della nascita di Mc Donald’s.

Siamo negli anni ’50, Ray Kroc è un fallito venditore di frullatori che si imbatte nei fratelli Mac e Dick McDonald, che hanno aperto una attività molto redditizia di vendita di hamburger nel Sud della California. Kroc ne comprende subito il potenziale che sta tutto nell’ingegnoso studio degli spazi e nella velocità di preparazione e consegna, unito alla qualità del prodotto. Si dà subito da fare per convincere i fratelli ad avviare un franchising, ma i suoi piani vanno ben oltre…

   


Un attore come Michael Keaton, la vera anima del film, era di sicuro il migliore per interpretare l’ambiguo avido e senza etica “fondatore”. Grazie al suo tipico sguardo d’aquila e allo stesso tempo allo slancio entusiasta di gesti e recitazione che hanno tenuto il personaggio in costante bilico tra l'essere amato e odiato, nel bene e nel male.

John Lee Hancock è un risaputo sfornatore di biopic e anche qui fa il suo lavoro, seppur senza slanci. La sceneggiatura è secondo me appena sufficiente, riesce a evitare moralismi in cui era facile cadere, ma resta molto piatta e coinvolge poco nel dramma dei personaggi che si sentono per tutto il film distanti, distaccati. Non c’è un approfondimento psicologico, non ci sono sfumature, non si sente realmente il dramma. Seppur si segua con curiosità la storia, il film non riesce a trascinare e nella seconda parte da un’accelerata che raffredda ancora di più il fragile legame. Forse per paura di cadere nella trappola dell’idealizzazione di un sogno americano che qui si macchia di sporco, di parodiare un personaggio estremo nella sua ostinazione, amoralità e avidità cronica, il regista si tiene troppo, ma davvero troppo, a distanza.

    


Se si esclude la perfetta scelta dell’attore, il film non ha quindi molto altro da offrire, se non riportare alla luce una storia che forse si conosceva poco fino ad ora.


Trailer italiano

Trailer originale



Categories: None

Post a Comment

Oops!

Oops, you forgot something.

Oops!

The words you entered did not match the given text. Please try again.

Already a member? Sign In

0 Comments