Ilaria Pasqua - Writer and more...

 "Oltre la superficie della pagina s'entrava in un mondo in cui 
  la vita era più vita che di qua" 
 Italo Calvino 

Il mio Blog Post New Entry

Room (L. Abrahamson, Canada/Irlanda 2015)

Posted by Ilaria Pasqua on May 23, 2016 at 2:00 AM

                              "Jack ora ascoltami, questa è la nostra occasione."

                                            

Una giovane donna vive da anni rinchiusa all’interno di una stanza. È stata rapita da un uomo che la tiene prigioniera. Però non è sola, con lei c’è il figlio di appena 5 anni.

Se il film precedente di Lenny Abrahamson, Frank, mi era piaciuto, questo mi è strapiaciuto.

Il piccolo Jack pensa che il mondo sia quella stanza, che non ci sia altro oltre le pareti, giusto lo Spazio. Vive guardando la tv “magica” e usando l’immaginazione per compensare ciò che non crede esista. Con la mamma passa anche momenti felici, è lei che con forza e coraggio riesce a proteggerlo dalla situazione in cui si trovano. Lui non sa nulla, sa solo che a una certa ora della sera, quando il timer suona, deve rinchiudersi nell’armadio e aspettare che il vecchio Nick se ne vada.

Così i due prigionieri sono costretti a contare sul loro aguzzino per sopravvivere. Aspettano le provviste e i cosiddetti “regali della domenica”. Ma' non si ribella, non può ritrovarsi senza cibo, senza elettricità, come potrebbero poi sopravvivere?

    


La prima ora va così, siamo chiusi nella Stanza insieme a loro, proviamo quel senso di claustrofobia che più di una volta mozza il fiato. Ci immedesimiamo in Jack e poi nella madre, e poi di nuovo in Jack, vedendo il piccolo mondo che li circonda con il suo sguardo.

Lo spazio di Room non è solo materiale ma soprattutto interiore. Brie Larson è brava da togliere il respiro, riesce a interiorizzare il dramma, a rendere la vita leggera, e persino divertente, per suo figlio. L’intensità del suo amore di madre è potentissimo, e lo spettatore ne resta travolto, sconvolto. Il loro legame quasi simbiotico, fatto di sguardi e parole, la sintonia profonda, sentimentale e fisica, è ciò che rende questo film splendido. Anche Jacob Tremblay è a dir poco stupefacente, dolce, ingenuo, coraggioso, forte, la sua trasformazione, evoluzione, è riuscita e coinvolgente.

Quando il suo personaggio, Jack, inizia a crescere e a fare domande, Ma' è costretta a trovare delle risposte diverse, a svelare la verità. Torna anche a sognare una via di fuga e, trovando l'obiettivo comune della fuga, l’equilibrio della storia inizia a cambiare. Il film si trasforma velocemente in altro. La seconda ora è ambientata al di fuori della stanza. E probabilmente questa parte è persino più violenta e spiazzante della prima.

   


Dalla claustrofobia si passa a sentimenti di angoscia, rabbia, tristezza. La vita al di fuori della Stanza è paradossalmente molto più difficile, perché lì tutto è andato avanti e loro vengono del tutto travolti dall'esterno, ma soprattutto dall'interno.

E se Jack deve imparare a conoscere un mondo sterminato e pieno di cose, colori, persone vere, proprio come lui, Ma', di nuovo libera, deve accettare di aver perso anni di esistenza, e tornare a capire cosa vuol dire libertà.

Room riesce a parlare di una storia drammatica senza essere morboso o strappalacrime, decide di focalizzarsi più sul rapporto madre-figlio e sulle ferite che un evento del genere lascia sulla psiche. Misurato, attento, sensibile, sobrio, questo è decisamente un film che lascia il segno.

Da brividi la scena della fuga di Jack, il suo primo sguardo sul mondo attraverso un oblò. Ho trattenuto il fiato fino quasi a scomparire nelle immagini. Davvero una grande esperienza di cinema.



Trailer italiano:

 


You need Adobe Flash Player to view this content.

 

 


Trailer originale:

 


You need Adobe Flash Player to view this content.

 


 

 


Categories: - Maggio 2016

Post a Comment

Oops!

Oops, you forgot something.

Oops!

The words you entered did not match the given text. Please try again.

Already a member? Sign In

0 Comments