Ilaria Pasqua - Writer and more...

 "Oltre la superficie della pagina s'entrava in un mondo in cui 
  la vita era più vita che di qua" 
 Italo Calvino 

Il mio Blog Post New Entry

Amore, cucina e curry (L. Hallström, Usa 2014)

Posted by Ilaria Pasqua on February 15, 2016 at 2:30 AM

                                                    "Il cibo è memoria…"


                                         


Dopo la morte di sua madre,il giovane Hassan è costretto ad abbandonare Mumbai e a trasferirsi in Europa con la sua famiglia, con l'unico desiderio di aprire un ristorante indiano per proseguire la tradizione di famiglia. La meta finale e involontaria sarà Lumière, un piccolo e grazioso paesino francese dove la loro macchina si ferma per caso. Ma dall’altro lato della strada un concorrente stellato gli dichiara battaglia, rendendogli la vita difficile.

   


Ricordate Chocolat? Juliette Binoche e Johnny Depp con sempre Lasse Hallström alla sceneggiatura/regia? Questo Amore, cucina e curry segue lo stesso schema in salsa indiana però, e sinceramente a me non è dispiaciuto affatto, anzi.

 La storia non è nulla di complesso: Hassan è un ragazzo indiano in fuga dalla propria patria che ne cerca una nuova. Un ragazzo che ha un talento incredibile per la cucina e che vorrebbe un’occasione per mostrare le sue doti, ma soprattutto per proseguire le tradizioni tramandategli dalla madre. Solo che avviare un ristorante indiano in una snob provincia francese è davvero una scommessa, soprattutto se hai come vicina la come sempre bravissima Helen Mirren, vedova di mezz’età acida e solitaria, in più molto ma molto diffidente, pronta a fare ostruzionismo. Le cose seguono un’escalation ben precisa, senza scossoni, senza sorprese, si sa sin da subito come proseguirà e anche come finirà, ma non importa, perché questo tipo di storie non richiede il mega colpo di scena per essere guardato. È un film scritto con attenzione, dai dialoghi scoppiettanti (divertenti soprattutto i battibecchi tra Kaddam, il pater familias, e Madame Mallory), che dosa bene gli ingredienti nonostante la prevedibilità e un aspetto patinato, da cartolina.

 


Al centro di tutto chiaramente la cucina, il film è un vero elogio del cibo e dell’amore dei personaggi che riescono ad accantonare tutte le divergenze grazie a esso, mi piace che Hallstrom abbia parlato delle diversità culturali attraverso il cibo. Due cucine diverse che si incontrano, si combattono a colpi di piatti, e che trovano quel terreno comune che permette l’integrazione, la globalizzazione. Insomma, Amore, Cucina e Curry è una sorta di bella favola moderna che parla di oggi: del ruolo che sta assumendo la cucina, ma soprattutto di temi etnici, razziali e culturali.

Semplice, dolce ma non troppo, di buoni sentimenti… ogni tanto un film così fa davvero bene.



Trailer italiano:


You need Adobe Flash Player to view this content.

 


Trailer originale:


You need Adobe Flash Player to view this content.

 


 

Categories: - Febbraio 2016