Ilaria Pasqua - Writer and more...

 "Oltre la superficie della pagina s'entrava in un mondo in cui 
  la vita era più vita che di qua" 
 Italo Calvino 

Il mio Blog Post New Entry

Inside Out (P. Docter, Usa 2015)

Posted by Ilaria Pasqua on September 25, 2015 at 4:05 AM

"Piangere mi aiuta a stare calma ed a non essere ossessionata dal peso dei problemi della vita"


                                          


Riley ha undici anni ed è una bambina felice. Vive in Minnesota con i genitori che l’adorano, gioca a hockey, ha tanti amici e… un attrezzatissimo quartier generale che fa di tutto per farla sentire sempre felice e al sicuro, permettendole di interagire con il mondo e di sviluppare la sua natura, condizionando anche i suoi ricordi. Rabbia perde costantemente la pazienza, Paura è una mina vagante, Tristezza è sempre sfiduciata, Disgusto arriccia continuamente il naso e poi c’è lei, Gioia, positiva e allegra, l’emozione che tiene le redini del comando.

   


Un giorno però la famiglia si trasferisce a San Francisco e Riley è scossa, confusa, così come lo sono le sue emozioni, incapaci di comprenderne il cambiamento. Le cose peggiorano però quando Gioia tenta a ogni costo di escludere Tristezza, chiamata all’appello insieme a Paura, per continuare a seguire il suo scopo: far sì che Riley sia sempre felice. Ma niente è mai così semplice.

Dopo un paio (diciamo così) di flop, finalmente la Pixar torna con un vero capolavoro. La storia stavolta parte da un’idea interessante e davvero difficile da trasporre. Si aggiungano una scelta grafica superba (la natura “molecolare” delle emozioni sopra al resto), perfettamente integrata al mood narrativo, in grado di semplificare i concetti senza confondere, e poi, (non) c’è bisogno di sottolinearlo, l’immensa, inesauribile magnifica fantasia.



Rendere concreto l’astratto, le emozioni che dominano l’essere umano, quel mondo nascosto che è dentro ognuno di noi, fatto di ricordi, subconscio, inconscio, e renderlo comprensibile per i bambini non era impresa facile. Ma lo è per la Pixar che riesce a costruire con un’immensa sensibilità, grazie a una sceneggiatura geniale e coraggiosa, un’allegoria perfetta della mente umana, bilanciando benissimo momenti comici, riflessivi ed emozionanti.

   


Riley è alle prese con nuove sfide e cambiamenti che mettono le sue emozioni a dura prova. Fino a quel momento era Gioia principalmente a guidare le decisioni della bambina, che come tutti i bambini non si è mai dovuta occupare delle cose dei grandi. I bambini, dice la Pixar, non sono coscienti di moltissime cose, per questo dentro di loro ci sono splendenti e giocose isole della personalità all’apparenza indistruttibili, ricordi inutili che spariscono, un subconscio con un mostro dell’infanzia, ricordi colorati di gioia che si accatastano in interminabili scaffali e il paese dell’immaginazione. Come è giusto che sia. Un bambino non deve scendere a patti con i suoi ricordi, con un passato che non è ancora in grado di razionalizzare, non deve preoccuparsi della nostalgia che affligge l’uomo, ma Riley è arrivata quasi all’adolescenza e inizia a entrare nel mondo degli adulti. Le sue emozioni, scosse già dal primo cambiamento fondamentale della sua vita, devono trovare un equilibrio, devono imparare a convivere e a condurla attraverso i diversi stadi dell’esistenza che muta e che rende i ricordi di colori misti, questo diventerà il nuovo obiettivo, l’obiettivo di una vita: essere felice nell’equilibrio delle sue emozioni.

   


Applausi alla Pixar, finalmente si torna a trame intelligenti e non banali, trame semplici ma profonde che emozionano e commuovono, rese con la solita, incredibile qualità. Un “difetto” però ce l’ha: piace forse più agli adulti che ai bambini.



Trailer italiano:

 


You need Adobe Flash Player to view this content.

 

 


Trailer originale:

 


You need Adobe Flash Player to view this content.

 


 


 

 

Categories: - Settembre 2014