"Oltre la superficie della pagina s'entrava in un mondo in cui la vita era più vita che di qua"

Italo Calvino

Ilaria Pasqua - Writer and more...

Click here to edit subtitle

Il mio Blog Post New Entry

Cassandra's Dream - Sogni e delitti (W. Allen, Usa 2007)

Posted by info.ilariapasqua on August 17, 2015 at 2:10 AM

“E se esiste un Dio? Stiamo varcando un confine: da qui non possiamo tornare più indietro”


                                           


Ian e Terry sono due fratelli della classe proletaria. Il primo aiuta il padre al ristorante coltivando ambizioni campate in aria e inseguendo l’obiettivo di un riscatto sociale, il secondo ha il vizio del gioco e ama sin troppo il whisky. L’occasione di una svolta si presenta per entrambi quando il ricco zio va a trovarli, ma ciò che chiederà in cambio per il presupposto aiuto è peggio di quanto potessero immaginare: uccidere un suo nemico in affari che minaccia di farlo finire in prigione. I due, disperati e alla ricerca di un cambiamento, accettano.

        


Sogni e delitti, adattamento del titolo molto più suggestivo e sensato Cassandra’s Dream (Cassandra è la barchetta su cui i due fratelli sognano una vita migliore), non ha molto da aggiungere alla già lunghissima filmografia di Woody Allen. Per la terza volta dopo Match Point e Scoop il regista torna a Londra con un noir freddo e dalla regia sobria (così sobria da non sembrare Woody Allen) che non si distanzia molto dai precedenti: sogni di ascesa sociale, decisioni ai limiti, profondi dubbi morali.

   


Nessuna ironia, nessuna battuta, questo è un film a tinte grigie, come lo è l’ambientazione: i sobborghi squallidi di una città che sembra solo un riflesso della bella Londra da rivista, in cui personaggi vuoti, superficiali e alla ricerca del gran colpo che risollevi le loro sorti girano instancabilmente come trottole impazzite e impazienti. Grande la prova di Ewan McGregor e Colin Farrell, ma di certo non basta. Sogni e delitti, nonostante riesca comunque a tenere sempre alta la suspense, scivola addosso, non è incisivo, si tiene distante dalla satira sociale che ha sempre caratterizzato i film di questo regista, e non riesce nemmeno a scendere abbastanza a fondo nei suoi personaggi, anche se l’opposizione tra le reazioni dei due fratelli all’idea del delitto e alle sue conseguenze è intrigante.

Insomma, carino sì, ma niente di indimenticabile.


Trailer italiano:

 


You need Adobe Flash Player to view this content.

 


 

Trailer originale:

 


You need Adobe Flash Player to view this content.

 


 



Categories: - Agosto 2015

Post a Comment

Oops!

Oops, you forgot something.

Oops!

The words you entered did not match the given text. Please try again.

Already a member? Sign In

0 Comments