Ilaria Pasqua - Writer and more...

 "Oltre la superficie della pagina s'entrava in un mondo in cui 
  la vita era più vita che di qua" 
 Italo Calvino 

Il mio Blog Post New Entry

Quel che sapeva Maisie (S. McGehee/D. Siegel, Usa 2012)

Posted by Ilaria Pasqua on July 20, 2015 at 3:00 AM

                                                  "Non ve la meritate!"


                                        


Susanna è una rockstar sopra i quaranta tutta concentrata su se stessa e perciò una madre casinista. Beale è un papà impegnato, un uomo d’affari che non è mai a casa. Maisie ha invece sei anni, e si ritrova in mezzo a una causa di divorzio tra i due, e tra i rispettivi nuovi compagni dei suoi genitori.

Da una parte c’è la giovane Margo, nuova moglie del padre ed ex babysitter, dall’altra l’altrettanto giovane fidanzato della madre, Lincoln. Entrambi si occupano di lei più di quanto facciano i genitori che non riescono a garantirle una stabilità. Sono troppo immaturi ed egoisti anche solo per accorgersene.

     


Susanna ha un costante bisogno di stare al centro dell’attenzione, è egocentrica e narcisista, ma ha disperatamente bisogno che sua figlia la ami, ha bisogno di avere quell’affetto quando le serve, quando non lavora, quando ha quel tempo da dedicarle, perché come l’ex marito anche lei pensa al lavoro prima di tutto. Sono tutti troppo impegnati a portare avanti le loro vite per occuparsi di una bambina.

Beale è altrettanto simile a Susanna, anche lui ha bisogno di quest’affetto incondizionato per nutrire il suo narcisismo, la figura del bravo padre.

Così Maisie finisce per venir sballottata da una parte all’altra come un pacco e subisce questa situazione quasi senza parlare, in punta di piedi, osservando solo con lo sguardo, quasi spiando, come se lei non c’entrasse.

  


Onata Aprile interpreta Maisie in maniera strabiliante, ogni immagine passa attraverso quei suoi occhi intensi e disarmanti che gli spettatori non riescono a ignorare. Tutto il film mostra infatti il punto di vista di Maisie su un divorzio e le sue conseguenze.

La regia semplice e la colonna sonora non invadente ma soffusa, coinvolgono e rendono partecipe lo spettatore del destino di Maisie che sembra sapere di più dei suoi genitori, o perlomeno capisce tutto, anche se non dice nulla.

 

Curiosità: è la libera trasposizione di un racconto di Henry James.



Trailer italiano:

 

You need Adobe Flash Player to view this content.

 

 


Trailer originale:

 

You need Adobe Flash Player to view this content.

 


Categories: - Luglio 2015