Ilaria Pasqua - Writer and more...

 "Oltre la superficie della pagina s'entrava in un mondo in cui 
  la vita era più vita che di qua" 
 Italo Calvino 

Il mio Blog Post New Entry

Il racconto dei racconti (M. Garrone, Italia/Francia/Gran Bretagna 2015)

Posted by Ilaria Pasqua on June 1, 2015 at 3:15 AM

"Ogni nuova vita richiede la perdita di una vita. L'equilibrio del mondo deve essere mantenuto. Siete disposti ad accettare questo rischio?"

       

                                      


Sorpresa. Sorpresa. Sorpresa.

Siamo nel XVII secolo, una regina desidera a ogni costo un figlio che non arriva, due anziane sorelle si ritrovano incastrate in un equivoco con un re affamato di sesso, un sovrano organizza un torneo per dare in sposa sua figlia, contando però sul fatto che nessuno riuscirà a superare la prova che ha creato per l’occasione, questo perché non vuole separarsi da lei.

   


Tre episodi, tratti dalla tradizionale raccolta di storie popolari “Il racconto dei racconti” di Giambattista Basile, potenti e dalla grande forza evocativa che incanta e tiene inchiodati. Ci si immerge immediatamente in questa triplice fiaba che fa dei sentimenti, dell’amore, del cuore, del sangue e della carne il suo centro.

Tutti amano in questo racconto dei racconti: ama il re la sua regina egoista, ama la regista egoista di un amore possessivo, ama il piacere carnale il re capriccioso, amano le sorelle anziane che vogliono tornare giovani, ama il sovrano un animale piuttosto che la figlia, amano i due quasi fratelli, che farebbero di tutto l’uno per l’altro, ama persino l’orco, a modo suo. Sono tutti amori veri che portano a una separazione.

Il racconto dei racconti è un film onirico emozionate, una favola che costringe i propri protagonisti, in corsa su binari paralleli che non fanno altro che richiamare gli altri, a scontrarsi con la realtà, è lì che tutte le storie fluiscono lentamente… infatti non ci sono edulcorazioni in stile Disney, al contrario. È audace e coraggioso anche per questo, per aver deciso di mantenere tutti gli aspetti più violenti dei racconti originari: c’è sangue, c’è erotismo, c’è violenza, proprio per questo legame che stringe con il reale, per questo connubio tra fantastico e realtà, perfettamente riuscito (e strenuamente cercato), secondo me l’aspetto più originale e affascinante del film.

  


La regia di Garrone è sicura, meticolosa, un camminare sulla corda del funambolo come il più grande dei virtuosi, regalando uno spettacolo unico, unico per il contatto che stringe con lo spettatore in sala. L’immersione è totale, le due ore scorrono così rapide che dispiace, qualcuno potrebbe avere qualcosa da dire sulla voluta dilatazione dei tempi o sulla costruzione degli episodi, forse a volte un po’ troppo meccanica e faticosa, ma è funzionale al modo in cui ha deciso di raccontare questa storia, sembra quasi di girare le pagine di un libro.

Meravigliose le atmosfere medievali, i costumi e la costruzione delle sequenze, delle immagini, ce ne sono alcune che inchiodano (vedere la Regina vestita di nero che mangia un cuore rosso sangue in una stanza bianca). E ottima la scelta degli attori, in questo caso un gran cast composto da: Salma Hayek, Vincent Cassel, John C. Reilly e Toby Jones.

   


E bisogna citare anche la colonna sonora azzeccata e mai invadente, uscita dalla sala non riuscivo a togliermi dalla mente alcune delle musiche che mi hanno tormentata fino a sera.

Lode al coraggio. Ce ne vuole molto per cimentarsi in un genere come il fantasy, in particolare in un paese come l’Italia, e oltretutto senza scendere a compromessi, come dicevo non è affatto una favola stile Disney. Già solo per questo varrebbe un tentativo. E ancora più per aver scelto location 100% italiane (e senza ritocchini in Cgi), talmente belle ed evocative da saltar fuori dallo schermo.

Il racconto dei racconti è quindi una fiaba superba, un fantasy, se così si può chiamarlo, realistico coinvolgente, un viaggio intenso in un immaginario incantato come una favola piena di magia e spaventoso come la peggiore delle realtà.



Trailer italiano:

 

You need Adobe Flash Player to view this content.



Trailer originale:

 

You need Adobe Flash Player to view this content.

 


 

 

Categories: - Giugno 2015