Ilaria Pasqua - Writer and more...

 "Oltre la superficie della pagina s'entrava in un mondo in cui 
  la vita era più vita che di qua" 
 Italo Calvino 

Il mio Blog Post New Entry

La Teoria del Tutto (J. Marsh, Usa 2014)

Posted by Ilaria Pasqua on January 23, 2015 at 4:30 AM

"Non ci dovrebbero essere limiti alla ricerca umana. Siamo tutti diversi. E per quanto la vita possa sembrare cattiva, c’è sempre qualcosa che si può fare e riuscirci. Finché c’è vita, c’è speranza."


                              

                                           

1963. Nell’Università di Cambridge studia uno studente promettente, Stephen Hawking, laureando in fisica e appassionato di cosmologia. Un giorno incontra Jane ed è amore a prima vista, nonostante nutrano convinzioni del tutto diverse: lui crede solo a ciò che si può dimostrare, è un ateo, mentre lei invece ha una profonda fede in Dio. Ma niente riesce a scalfire quel profondo rispetto e complicità che si instaura tra i due. La coppia però sarà costretta a fare i conti con la malattia di Stephen, un disturbo neurologico che porterà a un graduale decadimento delle capacità motorie.

        


Questo è il periodo dei biopic. Abbiamo avuto solo nell’ultimo mese American Sniper, The Imitation Game e ora La Teoria del Tutto, che purtroppo tra tutti a mio parere è il meno riuscito.

Dagli altri si differenzia solo per un fattore: parla di un personaggio, l’astrofisico Stephen Hawking che è vivo e vegeto.

E forse questo è il motivo per cui il film oscilla tra il buonismo, l'omaggio sentito e riverente e il desiderio di dargli invece uno spessore più “intellettuale”. 

Ciò che ne esce fuori è un lavoro un po’ insipido e piatto, purtroppo, che non sembra sapere bene come barcamenarsi. Eddie Redmayne, e va chiarito subito, è superbo, meraviglioso e incredibile, solo per lui consiglierò la visione di questo film, perché sì, si merita un applauso, e spero davvero che il suo talento e i suoi sforzi vengano riconosciuti, ma a parte lui niente di particolare da segnalare.


Tutto il film si concentra più che sul lato accademico, sull’aspetto più personale della sua vita, e sulla storia d’amore con Jane: da quando Stephen non è ancora malato, ma ci è vicino, al riconoscimento internazionale, anche se poi è spruzzato qua e là dai suoi interventi scientifici, con qualche teoria che andava messa per forza. Si concentra su tutte le difficoltà che la coppia ha dovuto affrontare, i momenti di felicità e quelli di tristezza. Sullo sguardo indulgente, dolce e perseverante della moglie, pronta a tutto perché Stephen possa essere in grado di vivere il più decentemente possibile, senza sacrificare la sua mente brillante. È su questo amore fortissimo, che va contro qualsiasi cosa, anche contro una malattia debilitante e distruttiva al massimo, che si basa il film, oltre che sull’incredibile forza di Stephen, sulla sua voglia inesauribile di vivere, nonostante tutto. E se questo si percepisce, non spicca e commuove come dovrebbe, non travolge. Il modo di narrare secondo me è stato del tutto sbagliato, non si può raccontare una storia su un uomo così speciale, in questo modo… e per cosa? Per renderlo più appetibile e “mainstream”, per farne insomma un prodotto commerciale e digeribile per tutti, ma proprio tutti.


        


La regia è convenzionale come la sceneggiatura che fa scivolare velocemente il film tra le dita. Ho l’impressione che tra qualche mese, qualche anno, ricorderò a fatica le scene de La Teoria del Tutto, sicuramente non mi toglierò dalla mente lo sguardo dolce e allo stesso tempo ironico di Eddie Redmayne, il sorriso sbilenco, la scena in cui immagina di alzarsi dalla sedia a rotelle per raccogliere una matita, mentre è invece solo sul palco, incastrato in quel corpo quando al contrario la sua mente viaggia a mille. Una delle scene più riuscite, per me.


Ecco, La Teoria del Tutto doveva essere più coraggioso, avere una voce più forte, ma ha fatto della dolcezza la sua cifra stilistica, è un film dolce, dolcissimo, dove le urla e le proteste contro una vita difficile sono tutte interne. Peccato. Da sufficienza stiracchiata.


Trailer italiano:

 


You need Adobe Flash Player to view this content.

 


 

Trailer originale:

 


You need Adobe Flash Player to view this content.

 


 


 

Categories: - Gennaio 2015