"Oltre la superficie della pagina s'entrava in un mondo in cui la vita era pił vita che di qua"

Italo Calvino

Ilaria Pasqua - Writer and more...

Click here to edit subtitle

Il mio Blog Post New Entry

Colpa delle stelle (J. Boone, Usa, 2014)

Posted by info.ilariapasqua on December 19, 2014 at 3:00 AM

 

                                "Alcuni infiniti sono più grandi di altri inifiniti"


                                         


Dopo aver recensito il libro (qui) eccomi finalmente al film.

Hazel Grace è una ragazza di diciassette anni malata di tumore. Augustus Waters, 18 anni, ha invece una gamba artificiale e alle spalle un tumore appena sconfitto. Entrambi hanno un modo tutto loro di vedere la malattia, con una forte dose di sarcasmo e un atteggiamento disincantato a volte all’apparenza molto brusco ma mai cattivo. Questo li unirà.

 

Come dicono un po’ tutti Colpa delle stelle non è il solito libro sul cancro, e allo stesso modo non è il solito film sul cancro.

Ovviamente il merito è dello scrittore John Green che ha saputo raccontare una storia difficile e triste, in una maniera diversa dal solito.

I personaggi sono coinvolgenti, e hanno sempre la battuta pronta, bella ispida, prendono la vita a modo loro, ma senza rassegnarsi alla malattia, entrambi vogliono vivere fino in fondo e chiedono agli spettatori di non compatirli, ma di stare con loro.

Josh Boone porta sullo schermo il romanzo senza discostarsene, senza alterare i fatti, senza prendersi nessuna libertà, è aderente al 100% alla trama, persino nei dialoghi, che sono praticamente riportati passo passo (a volte purtroppo un difetto). Alcune scene, proprio poche, sono state eliminate per favorire la fluidità, e la presenza del personaggio di Eric, l’amico dei due ragazzi, è stata diminuita per lo stesso motivo.

Resta la voce fuori campo di Hazel, che in alcune scene viene ovviamente sostituita dalle immagini, e restano anche le scene più tristi, senza nessuno sconto.

   


Il regista è riuscito a ricreare esattamente le atmosfere del libro, e il film si muove bene tra commedia romantica e drammatico, mantenendo e alternando bene quei toni leggeri e sarcastici che nel libro fanno tirare un sospiro di sollievo.

Come nel libro, sono stati bravi a non cadere nel pietismo strappalacrime fine a se stesso, ed anche in questo caso non era semplice, e ottima è stata la scelta dei protagonisti; sia Ansel Elgort che Shailene Woodley sono perfetti per incarnare i due personaggi, lui spaccone e allo stesso tempo impacciato, lei dolce e brillante, poi si percepisce una grande sintonia tra loro, una naturalezza che aiuta ad immergersi nelle immagini. Per non parlare del colpo di genio: scegliere Willem Dafoe per lo scrittore bastardo Peter Van Houten, inaspettato quanto gradito, bastano poche apparizioni per donare alla storia quel pizzico in più.

Ciò che non ho apprezzato molto sono state le scelte musicali, ma pazienza, per il resto il film rimane inaspettatamente un buon adattamento.



Trailer italiano:


You need Adobe Flash Player to view this content.

 

 

Trailer originale:

 


You need Adobe Flash Player to view this content.

 


 


 

Categories: - Dicembre 2014

Post a Comment

Oops!

Oops, you forgot something.

Oops!

The words you entered did not match the given text. Please try again.

Already a member? Sign In

2 Comments

Reply Andrea
3:49 AM on December 20, 2014 
Bella recensione e bel blog.
Sono d'accordo con te!
Se ti interessa il mio parere pił completo puoi leggere qua ;)
http://moviemaniacomment.wordpress.com/2014/09/19/colpa-delle-ste
lle-di-josh-boone-2014/
Ciao! ;)
Reply info.ilariapasqua
4:27 AM on December 22, 2014 
Ciao Andrea! Mi fa piacere ;) grazie per essere passato!
Ilaria