Ilaria Pasqua - Writer and more...

 "Oltre la superficie della pagina s'entrava in un mondo in cui 
  la vita era più vita che di qua" 
 Italo Calvino 

Il mio Blog Post New Entry

Buoni a nulla (G. Di Gregorio, Italia 2014)

Posted by Ilaria Pasqua on November 7, 2014 at 3:25 AM

                                  

Dopo l'adorabile Pranzo di Ferragosto e il divertente/amaro Gianni e le donne, ecco Buoni a nulla, terzo film del regista 65enne Gianni Di Gregorio, di nuovo anche protagonista.
Personalmente apprezzo molto quest'artista che è in Italia ad oggi il più "anziano esordiente" a essersi fatto strada nel cinema. Le sue commedie si distinguono sempre dalle altre per un grande garbo, per la mano delicata e per un una risata a volte amara.
Con Buoni a nulla conferma questi tratti, e sembra quasi di essere di fronte a un'ideale trilogia che vede il protagonista Gianni fare ad ogni film un piccolo passo avanti; in Pranzo di Ferragosto si era dovuto occupare di sua madre e delle sue amiche vecchiette capricciose, in Gianni e le donne, Gianni "cresce" e cerca l'amore, e lo guarda dal suo punto di vista "non più giovane". In quest'ultimo invece Gianni spicca il volo. Il mite esplode (contro i fiori e non solo). 

    

È un uomo di mezz'età, un impiegato statale, un tipo qualunque con un grave problema: è remissivo, passivo all'ennesima potenza, troppo buono, mite di carattere e viene calpestato continuamente. Lo schiaccia il condominio, la famiglia, il lavoro, il mondo tutto, senza che riesca a porre rimedio. La svolta della sua vita sarà la pensione, ed è proprio a due passi, giusto sei mesi per averla, ma le cose non vanno come previsto: infatti è vittima dell'ennesima ingiustizia e si vede costretto a restare al lavoro ancora, e oltretutto in un'altra struttura, fuori città, popolata da gente svogliata e poco preparata, sleale e arrampicatrice. Sarà lì che imparerà a dire "no! Basta subire", come non aveva mai fatto, e insieme all'unico amico che si è fatto, cercherà di farsi strada e di imparare a vivere davvero, diventando finalmente padrone della sua vita.

    

Lo chiamo Gianni con grande affetto perchè è sempre un sentimento di tenerezza che avvolge le atmosfere dei suoi film. Tenerezza e uno sguardo malinconico sempre presente, che si accompagna anche a quel tono scansonato, quell'umorismo elegante, che sono i suoi marchi di fabbrica.
In ogni film pone sempre l'accento sulla quotidianità, sui vizi, sulle difficoltà e sulle paure della gente comune, sdrammatizzandole con occhio attento e divertito, e allo stesso tempo leggero.
E ogni volta esco dal cinema col cuore più leggero.




Trailer:

You need Adobe Flash Player to view this content.

 








Categories: - Novembre 2014