"Oltre la superficie della pagina s'entrava in un mondo in cui la vita era pił vita che di qua"

Italo Calvino

Ilaria Pasqua - Writer and more...

Click here to edit subtitle

Il mio Blog Post New Entry

In trance (D. Boyle, Gran Bretagna 2012)

Posted by info.ilariapasqua on September 29, 2014 at 3:00 AM

                              "Noi siamo i nostri ricordi, le cose che abbiamo detto..."

 

                                                 


Racconta la classica storia di una rapina d’opere d’arte, dove però c’è un elemento diverso: il rapinatore che ha nascosto il quadro per un caso del destino rimane vittima di un'amnesia. Sarà un’affascinante dottoressa a prendersi l’incarico di fargli ricordare, ma più scava nella sua mente più il mistero sembra infittirsi e ampliarsi.

In trance prosegue la linea di Danny Boyle che tende alla sperimentazione visiva e sonora, mai come in questo caso in cui forse il regista ha un po’ sottovalutato il contenuto che a volte perde del tutto appiglio.


         


Non si può svelare altro della trama perché questo è uno di quei film che va guardato e vissuto sulla pelle, inglobando più generi: In trance ha un tipo di intreccio in bilico tra thriller, onirico e persino melò.

Boyle torna ad esplorare le alterazioni della mente, già il titolo lo rende chiaro, e crea un film puzzle che non funziona bene come vorrebbe, anche se la base su cui poggia, ovvero la capacità dell’uomo di mentire a se stesso, è un assunto intrigante che poi però perde di vista.

Non sto dicendo che sia un film incomprensibile, o difficile da seguire, anzi, ma che nel rincorrere le visioni, gli stati mentali del protagonista, la storia si perda, raggiungendo il culmine del “ma dai ti prego” quando si arriva al triangolo amoroso. Probabilmente pecca di verosomiglianza. Sia Simon, interpretato da James McAvoy, che la dottoressa Elisabeth, la sexy Rosario Dawson, si muovono come marionette su questa tela che Boyle ha intessuto, spesso forzatamente. E in un film che si concentra su fattori psicologici è una grave pecca questa. Forse è proprio un problema di eccessi. Forse Danny Boyle ha lasciato andare la mano un po’ troppo, inseguendo colpi di scena (sempre più assurdi) e inseguendo a ogni costo l’effetto sorpresa. Questo film è un gioco di specchi sempre meno verosimile, che perde di vista il filo iniziale, lasciandosi alle spalle quell’introspezione psicologica che tanto interessava.


           


Peccato, perché gli spunti ci sono.

In conclusione troppa carne al fuoco, davvero troppa.




Trailer italiano:


You need Adobe Flash Player to view this content.

 

 


Trailer originale:

 


You need Adobe Flash Player to view this content.

 


 

 


Categories: - Settembre 2014

Post a Comment

Oops!

Oops, you forgot something.

Oops!

The words you entered did not match the given text. Please try again.

Already a member? Sign In

0 Comments