Ilaria Pasqua - Writer and more...

 "Oltre la superficie della pagina s'entrava in un mondo in cui 
  la vita era più vita che di qua" 
 Italo Calvino 

Il mio Blog Post New Entry

Marziani, andate a casa! (F. Brown, 1955)

Posted by Ilaria Pasqua on September 19, 2014 at 3:00 AM


“Luke andò alla porta, l’aprì e guardò fuori: c’era una luna splendente. In un primo momento non vide nessuno, poi abbassò lo sguardo…”


                                        


Luke Deveraux ha un serio problema: dopo essersi separato da sua moglie non riesce a iniziare il romanzo di fantascienza di cui ha già percepito l’anticipo. Così decide di ritirarsi in un capanno sperduto, per ritrovare a ogni costo l’ispirazione, magari aiutandosi con qualche bicchiere di whiskey.

Dopo giorni passati a tormentarsi finalmente il barlume di una buona idea, qualcosa che riguarda i marziani, ma proprio quando cerca di catturarla nella sua mente qualcuno bussa alla porta: è un ometto verde. Un marziano.

Questo è l’inizio di un incubo, i marziani compaiono dappertutto sul pianeta e nessuno è in grado di ucciderli o scacciarli. Porre una barriera è impossibile. Così inizia una convivenza forzata che porta il pianeta al collasso. Infatti questi marziani sono impiccioni, volgari e fastidiosi e sembrano godere nel mettere in imbarazzo gli esseri umani, disturbandoli nei momenti meno opportuni.

Mentre tutto crolla a una velocità vertiginosa, c’è chi tenta di cercare dei rimedi. Qualcuno riuscirà nel suo intento di scacciare i marziani?

 

Questo Marziani, andate a casa! è un romanzo breve di fantascienza umoristica, un genere davvero difficile da scrivere, perché cadere nel ridicolo è facile, ma parliamo di Fredrick Brown. Chi meglio di lui? Per me rappresenta in assoluto il migliore in questo genere. E come sempre non delude. Dopo aver letto con immenso divertimento AAA Asso interplanetaria di Robert Sheckley, non ho potuto fare a meno di passare a quest’altro lavoro, cult della fantascienza umoristica, senza nessuna remora o preoccupazione. Sapevo che mi sarei divertita, e così è stato.

Un tema forte e trattato sempre con i guanti come l’invasione dei marziani, qui viene del tutto smontato e ricostruito. Brown si diverte un mondo a tracciare situazioni, a mostrare le reazioni esagerate e non degli esseri umani alle prese con questi piccoli ometti verdi, insopportabili.

I suoi marziani sono come non ci si aspetta: infantili, fastidiosi, dispettosi, peggio di un bambino, perché in fondo davvero cattivi e maligni.

È divertente seguire le varie ipotesi sulla loro natura, e gli sforzi che tutti fanno per cercare un dialogo o per ucciderli. Quasi quanto è fastidioso seguire le azioni di questi elementi molesti senza sapere se la loro presenza sia frutto di una qualche curiosità o se lo scopo sia più profondo. Insomma: cosa vogliono? Rompere le scatole al prossimo o invadere?

Il finale poi è davvero bellissimo: lascia il dubbio, rovesciando più di una volta la visione delle cose.

Brown riesce a centrare di nuovo il bersaglio. Questo suo racconto breve è ironico, divertente e dissacrante, pieno di situazioni irresistibili. Si legge con facilità e come ogni volta, appena terminata la lettura, si sente il cuore leggero.



 

Incipit:

Il tempo: Una sera del 26 marzo 1964, un martedì.

Il luogo: Una capanna di due stanze nel deserto, vicino a Indio, in California, ma non troppo vicino, poiché dista quasi un miglio dall’abitazione più vicina, e circa centocinquanta miglia a est e leggermente a sud di Los Angeles.

Si alza il sipario sul nostro palcoscenico. Sulla scena vediamo Luke Deveraux, solo.

Perché incominciamo proprio con lui? E perché no; bisogna incominciare da qualcuno. E Luke, in qualità di Scrittore di fantascienza, avrebbe dovuto essere molto più preparato della maggioranza delle persone, a quello che stava per accadere.

 


 

Categories: - Settembre 2014