Ilaria Pasqua - Writer and more...

 "Oltre la superficie della pagina s'entrava in un mondo in cui 
  la vita era più vita che di qua" 
 Italo Calvino 

Il mio Blog Post New Entry

Colpa delle stelle (J. Green, 2012)

Posted by Ilaria Pasqua on September 5, 2014 at 3:00 AM


"Mi sono innamorata così come ci si addormenta: piano piano, e poi tutto in una volta."


                                             


Colpa delle stelle è un libro che mi ha confusa molto. A volte mi è sembrato, o forse l'ho voluto vedere, come un'operazione commerciale, a volte invece l'ho sentito profondamente sincero. Due possibilità che mi hanno punzecchiata per buona parte della lettura. Però poi ho scelto.

 

La storia vede come protagonisti Hazel e Augustus, due ragazzi colpiti in due diverse maniere dal cancro.

Quando tutto sembra ormai vuoto e buio i due si incontrano e intrecciano un legame che va ben oltre l'amore.

La verità è che solitamente mi avvicino con molta difficoltà a questo genere di libri, sono diffidente, ma questo John Green è uno scrittore, e una personalità, che mi attrae; nerd fino al midollo, tiene dei corsi su youtube dove parla in maniera appassionata di letteratura. Ed è questo che mi ha colpita: la passione, che si respira anche in Colpa delle stelle.


Ho apprezzato la capacità di ironizzare, di dar vita a dei dialoghi brillanti e mai noiosi, nonostante a volte le voci dei protagonisti mi è sembrato si confondessero, tendendo ad assomigliare a quelle di un adulto troppo saggio per avere sedici anni, la capacità di non banalizzare, né di cadere nel pietismo. E non è per nulla semplice.

John Green è bravo. E capisco per quale motivo è tanto amato.

Scrittura pulita, avvincente, anzi... avvolgente, che si insinua sotto la pelle, sguardo sensibile, mano delicata e forte insieme. Bravura nel tratteggiare la malattia sapendo quando forzare e quando smorzare la tensione. E poi personaggi a cui è facile affezionarsi, ragazzi intelligenti che insegnano come andrebbe sempre presa la vita, malattia o meno: con entusiasmo, con occhi curiosi, come se fosse un dono irripetibile, perché in effetti lo è. Così Colpa delle stelle è proprio questo. Un inno alla vita.

Insomma, sono una romantica sensibile anche io, alla fine di tutto mi sono lasciata commuovere, perciò sì, scelgo la seconda possibilità: sincerità.



Incipit:

Nel tardo inverno dei miei sedici anni mia madre ha deciso che ero depressa, presumibilmente perché non uscivo molto di casa, passavo un sacco di tempo a letto, rileggevo infinite volte lo stesso libro, mangiavo molto poco e dedicavo molto del mio tempo libero a pensare alla morte.

Tra gli opuscoli che parlano di tumori o nei siti dedicati, tra gli effetti collaterali del cancro c'è sempre la depressione. In realtà la depressione non è un effetto collaterale del cancro. La depressione è un effetto collaterale del morire.


Categories: - Settembre 2014