Ilaria Pasqua - Writer and more...

 "Oltre la superficie della pagina s'entrava in un mondo in cui 
  la vita era più vita che di qua" 
 Italo Calvino 

Il mio Blog Post New Entry

Starry Night (F. Leoni, 2013)

Posted by Ilaria Pasqua on August 18, 2014 at 4:50 AM


"Perché è la meraviglia che ha dato inizio alle cose, la magia che ha colmato l’assenza. Ecco: certe storie si raccontano da un’assenza. Sono sagome cave dentro custodie vuote, forme abbandonate che dicono 'violino', oppure 'fucile'."


                                        


Recensire questo libro non è stato semplice. Mi sono sentita tramortita dalle emozioni a lungo, ma ora sono pronta per parlarne.


Filippo è un diciottenne come tanti altri che vive in una Roma dalle mille facce. È la presenza di suo nonno che ammira profondamente a guidarlo, e allo stesso tempo confonderlo, mentre cerca di capire qual è la sua strada. Tutto parte da una festa e da un accendino. È infatti durante la festa dei suoi diciotto anni che la sua strada si incrocerà con quella di Sergio, detto Zagana, dando il via a una serie di eventi che sfoceranno in un epilogo tragico. 

 

La prima cosa che mi ha colpita è la facilità dello scrittore nel descrivere stati d’animo che a volte è difficile anche solo sfiorare. E la capacità di evocare immagini nella mente, sensazioni così forti da far venire i brividi.

Ma un altro grande pregio è lo sfondo che poi tanto sfondo non è perché interagisce, forgia la storia. Roma non è mai stata così viva. Filippo si muove tra le sue strade dandoci perfettamente l’idea di dove si trovi. Ci fa respirare la città.

Poi ci sono i suoi personaggi, Filippo e il suo mare di dubbi, Sergio e i suoi piccoli traffici senza nessuna soluzione, e infine Greta, forte e fragile insieme.

Tassello dopo tassello la storia prende una forma compiuta, si ricollega a quell’incipit che parla d’assenza. Perché sì, è una storia di assenze, ma “scomparire non è come non esserci mai stati […] e il modo in cui io lo ricordo e lo racconto dipende da me, ma non solo. […] io vivo con la sua assenza."

Starry Night dà vita anche a un gigantesco affresco che parla di gioventù “bruciate” e allo sbando, e che cerca di trovare una risposta a una domanda: quando scompariamo, che segno lasciamo nell’esistenza degli altri e sul mondo in cui abbiamo vissuto?

 

Sono moltissimi i riferimenti a Van Gogh, non a caso il titolo del libro è quello del celebre quadro del pittore, e alla Dolce Vita di Fellini che scorre in parallelo alla vita in cui Filippo è affondato: quella delle feste dei quartieri ricchi. Ma anche la musica, e la letteratura, e tutto ciò che Filippo cerca di usare come bussola in quel momento dell'esistenza in cui si è ancora immersi in una profonda confusione.

È tutto così vivido e preciso da sembrare autobiografico. Forse è merito soprattutto di una scrittura scorrevole e mai banale che affascina e avvince.

 

Vi lascio con un’ultima citazione:

 

"La vita degli uomini ha poco a che fare con lo spazio e con il tempo: ogni uomo è una storia, e le storie contano per come le racconti e durano più in là dei loro protagonisti. È la narrazione la dimensione umana dell’esistenza."



Incipit:

Prologo

L'odore della pioggia


Anche annusare la pioggia è un'indagine sul vuoto.

Affacciato alla finestra annuso un profumo che non esiste, o esiste solo nella mia mente, come forse tutte le cose che ho visto e come gli occhi che ho usato per guardarle. Vorrei avere ancora a disposizione abbastanza meraviglia da sentire l'odore della pioggia con lo stupore della prima volta. Perchè è la meraviglia che ha dato inizio alle cose, la magia che ha colmato l'assenza. Ecco: certe storie si raccontano a partire da un'assenza. Sono sagome cave dentro custodie vuote, forme abbandonate che dicono "violino", oppure "fucile".



 


Categories: - Agosto 2014