Ilaria Pasqua - Writer and more...

 "Oltre la superficie della pagina s'entrava in un mondo in cui 
  la vita era più vita che di qua" 
 Italo Calvino 

Il mio Blog Post New Entry

Come le mosche d'autunno (I. Némirovsky, 1931)

Posted by Ilaria Pasqua on July 28, 2014 at 4:25 AM


«Andavano avanti e indietro, da un muro all’altro, in silenzio, come le mosche di autunno, quando passati il caldo, la luce e l’estate, volano a fatica, stanche e irritate, sui vetri, trascinando le loro ali morte»


                                             


La guerra è in corso e Tat’jana Ivanovna, la vecchia nutrice e governante della famiglia Karin, prepara silenziosamente i bagagli per Jurij e Kirill, costretti a partire per andare a combattere, con la consapevolezza che niente sarà più lo stesso. Ed infatti sarà questo l’inizio del declino della famiglia, costretta a emigrare a Marsiglia poi a Parigi per sopravvivere, mentre la vecchia governante resta a vegliare sulla casa vuota, nella sua patria, prima di partire per raggiungere quella che è la sua unica famiglia.


In poche pagine Irène Némirovsky ha tracciato la vita e la morte di questa nobile famiglia in una vecchia Russia che riesce a farci respirare a fondo. La vera protagonista è la vecchia nutrice, silenziosa depositaria dei beni ma soprattutto dei ricordi della famiglia in quel mondo che lei non vuole lasciarsi alle spalle. Attraverso i suoi occhi affettuosi e nostalgici vediamo un’epoca cambiare sin troppo velocemente, sostituendo un passato glorioso con un presente dubbio e triste, e un futuro che forse non esiste.

E Tat’jana vede solo i Karin vagare in un appartamento minuscolo, buio, angosciante e opprimente, spostandosi da un punto all’altro, in silenzio, come le mosche d'autunno. Lasciandosi alle spalle i ricordi e la dignità. Intanto aspetta, aspetta che la neve cada, quella neve che in Russia si vede già ad ottobre.

A che pro? A che serve? Si chiedono i personaggi, tutti, in egual maniera. È finita… è finita. Anche per Tat’jana che con gli occhi corre ancora a quella casa impossibile da dimenticare, a una vita ormai lontana e seppellita, alla distesa di neve che la ricopriva d’inverno riempiendola di pace.


Come le mosche d’autunno è una lettura intensa carica di malinconia che forma un nodo in gola, un sospiro costante. Pochissime pagine e un mondo intero di suggestioni e sentimenti. La magia di Irène Némirovsky.




Incipit:

Scrollò il capo, e disse come un tempo:

«E allora, addio, Jurocka… Abbi cura di te, mio caro».

Come passavano gli anni… Era ancora un bambino, quando partiva per il liceo di Mosca, in autunno, e veniva a salutarla proprio così, in quella stessa stanza. Dieci, dodici anni prima…

Gli guardò l’uniforme da ufficiale con uno strano stupore, di triste orgoglio.

 


Categories: - Luglio 2014