Ilaria Pasqua - Writer and more...

 "Oltre la superficie della pagina s'entrava in un mondo in cui 
  la vita era più vita che di qua" 
 Italo Calvino 

Il mio Blog Post New Entry

Hunger Games - La ragazza di fuoco (F. Lawrence, Usa, 2013)

Posted by Ilaria Pasqua on November 28, 2013 at 3:15 AM


"Nel settantacinquesimo anniversario, affinchè i ribelli ricordino che anche il più forte tra loro non può prevalere sulla potenza di Capitol City, i tributi maschio e femmina saranno scelti tra i vincitori ancora in vita…"


                                     


"Ricorda chi è il vero nemico" è la frase fondamentale che è rimasta nella mia mente da quando sono uscita dalla sala. La frase che racchiude in sé tutto il film.

Katniss Everdeen e Peeta Mellark, i due amanti sfortunati degli Hunger Games, stanno tendando di riprendersi dallo shock di quei giorni infernali. Ma non durerà a lungo: presto inizierà infatti il tour della vittoria che li trascinerà di Distretto in Distretto per le celebrazioni. La situazione si è fatta bollente. I Distretti sono in tumulto e il temibile Presidente Snow, sempre un incisivo Donald Sutherland, deve spegnere quel focolare di speranza a ogni costo. Le minacce a Katniss, sempre più consapevole del suo ruolo, funzionano, ma la recita che lei e Peeta mettono in piedi non convince chi dovrebbe. C'è bisogno di qualcosa di più forte, perchè la ghiandaia imitatrice ha finito per trasformare tutti i vincitori in simboli di rivolta. Si devono stroncare i vincitori. 
Perciò in questo nuovo anno, verranno celebrati i giochi della memoria, e la mietitura avverrà... tra i vincitori.
Katniss e Peeta si ritrovano di nuovo nell'arena, un'arena completamente nuova, con nuovi e pericolosissimi nemici, ma anche tanti importanti alleati che sembrano saperla lunga...



                    
                 


Tanta attesa per uscire dalla sala completamente soddisfatta. Un film che è quasi l'adattamento perfetto. Il migliore, fedele quasi nei minimi dettagli, sono proprio pochissime le cose che sono rimaste fuori. Vedendolo, ho ricordato ogni singolo momento del libro. Avevo paura che il trailer raccogliesse, come di solito succede, tutto il meglio del film, e invece il film è tutto una bomba. 
Ciò che ho notato subito, è il perfetto equilibrio fra le sue parti. Leggendo il libro si notava questa sorta di divisione tra l'inizio della rivolta, le conseguenze e infine l'arena. Nel film è stato perfettamente trasposto. Ha una forte armonia.
È stato reso bene nella prima parte sia lo stordimento post giochi dei due ragazzi, il cambiamento delle dinamiche, l'intrusione delle telecamere nella loro vita e la profonda presa di coscienza, la consapevolezza di essere in trappola con tutte le conseguenze psicologiche che ne derivano, sia il tumulto, sempre meno sotterraneo, e la paura del Presidente Snow che vuole sconfiggere questi movimenti con altrettanta paura, con furbizia, mettendo nell'arena i vincitori "affinchè i ribelli ricordino che anche il più forte tra loro non può prevalere sulla potenza di Capitol City" e insieme sguinzagliare in giro un bel po' di Pacificatori, che tanto pacificatori non sono.



                      


Le new entries sono illustri: a partire dal grande Philip Seymour Hoffman, nel ruolo dell'ambiguo Plutarch, a Jena Malone nel ruolo di Johanna Mason, e fa piacere, perchè era da Donnie Darko che non mi capitava davanti. Poi Sam Claflin che interpreta uno splendido e ironico Finnick,  riconosciuto nel ruolo all'istante dopo la domanda che tutti noi ci aspettavamo: "Vuoi una zolletta di zucchero?". Infine la dolce Mags e il geniale Beetee. Tutti adatti.



                      



E poi come non parlare dell'arena? Sembrano averla strappata dalle pagine per quanto è identica. I giochi sono emozionanti e spettacolari come ci si aspetta e il finale esatto. Per non parlare della cura degli ambienti, oltre che dell'arena, da Capitol City, più sfarzosa che mai, ai nuovi interni ed esterni sommersi da un'infinità di comparse. È chiaro sin da subito l'aumento di budget...  devo trovare un difetto? No, scusate, ora proprio non mi viene. Ah sì (SPOILER volevo vedere l'orologio di Plutarch!! FINE SPOILER)

Insomma, un adattamento con i controfiocchi, sono entrata in sala trattenuta dai miei brutti presentimenti, ma ne sono uscita felice.
Consigliato? Inutile dirlo, no? Correte a vederlo!



"Credo che questi giochi saranno diversi"







Trailer italiano:

 


You need Adobe Flash Player to view this content.

 

 



Trailer originale:

 


You need Adobe Flash Player to view this content.

 





Categories: - Novembre 2013