Ilaria Pasqua - Writer and more...

 "Oltre la superficie della pagina s'entrava in un mondo in cui 
  la vita era più vita che di qua" 
 Italo Calvino 

Il mio Blog Post New Entry

Dieci piccoli indiani (A. Christie, 1939)

Posted by Ilaria Pasqua on July 14, 2013 at 10:35 AM

 

                                      "Dieci poveri negretti

                                       Se ne andarono a mangiar:

                                       uno fece indigestione,

                                       solo nove ne restar..."

                                 

                                        


Dieci sconosciuti vengono invitati senza un'apparente ragione a soggiornare in una bella villa su Nigger Island. Tutti accettano l’invito, ma al loro arrivo il padrone di casa non li accoglie, e loro si rendono conto di essere in trappola, non si può fuggire dall’isola e tutto sembra avvolto nel mistero.

 

Ogni personaggio convocato ha uno scheletro nell’armadio, un passato turbolento, l’anima non serena. Vengono tutti attirati da una filastrocca inquietante, appesa al muro sul caminetto delle loro stanze che narra di “dieci piccoli negretti”, ma c’è altro ad accoglierli: una voce profonda li accusa… di essere assassini.

E così ha inizio l’avventura di questi dieci personaggi che si ritrovano chiusi in una casa alla ricerca di una soluzione per fuggire, ma uno dopo l’altro gli ospiti cominciano a morire in circostanze misteriose, eppure l’assassino non si vede, chi è? È uno di loro? Sì, perché tutti gli ospiti possono essere potenziali assassini. Sono ambigui, dagli uomini, alle donne, ai vecchi. Eppure sono legati l’uno all’altro senza saperlo, inizialmente.

Ma se è uno di loro a uccidere, come fa? Non avrebbe nessuna libertà di movimento, e soprattutto loro si tengono d’occhio a vicenda. Così, fra sospetti e paure, finiranno per accusarsi a vicenda, e stare rinchiusi in quel lembo di terra di certo non è d'aiuto ai loro nervi...


Dieci piccoli indiani, del 1939, è un thriller cosiddetto a ‘camera chiusa’, ovvero che trattano di quel tipo di omicidi che avvengono in situazioni all'apparenza impossibili, come quelli scoperti in una camera chiusa dall'interno.

È la filastrocca appesa sui camini ad anticipare come morirà uno dei dieci “poveri negretti”. È una premonizione di quello che accadrà ad ognuno di loro. Insieme agli ospiti uccisi spariscono anche le statuette in porcellana che rappresentano i dieci negretti e che sono sempre in bella mostra in casa.

 

Il libro è scritto magnificamente e non riesci a smettere di leggerlo. Avvincente, appassionante, pieno di mistero, e soprattutto… impossibile capire chi è davvero l’assassino fino all’ultima pagina. Terminata la lettura ti senti ancora incastrato tra le righe e ne vorresti di più.

Anche se la Christie ne ha scritti davvero tantissimi di magnifici libri, questo è unico e indimenticabile.


 

“E ora una voce sconosciuta aveva rivelato quella storia segreta. E lui era stato all’altezza della situazione? Aveva conservato la sua dignità? Aveva manifestato in giusta misura il risentimento, l’indignazione, il disgusto, e non la colpa, non la sconfitta?”




Incipit:

In un angolo dello scompartimento fumatori di prima classe, il signor Wargrave, giudice da poco in pensione, tirò una boccata di fumo dal sigaro e scorse con interesse le notizie politiche del "Times". Poi, depose il giornale sulle ginocchia e guardò fuori dal finestrino. Il treno correva attraverso il Somerset. Diede un'occhiata all'orologio: ancora due ore di viaggio. Ripensò a quello che i giornali avevano scritto su Nigger Island.





Curiosità:

Titolo originale: And Then There Were None (E poi non rimase nessuno).

Ha venduto ben 110 milioni di copie, ed è il libro giallo più venduto in assoluto. E' all'undicesimo posto nella classifica dei best-seller con più incassi della storia (terzo posto se si considerano solo i romanzi).





La filastrocca


"Dieci poveri negretti

Se ne andarono a mangiar:

uno fece indigestione,

solo nove ne restar.

 

Nove poveri negretti

fino a notte alta vegliar:

uno cadde addormentato,

otto soli ne restar.

 

Otto poveri negretti

Se ne vanno a passeggiar:

uno, ahimè, è rimasto indietro,

solo sette ne restar.

 

Sette poveri negretti

legna andarono a spaccar:

un di lor s'infranse a mezzo,

e sei soli ne restar.

 

I sei poveri negretti

giocan con un alvear:

da una vespa uno fu punto,

solo cinque ne restar.

 

Cinque poveri negretti

un giudizio han da sbrigar:

un lo ferma il tribunale

quattro soli ne restar.

 

Quattro poveri negretti

salpan verso l'alto mar:

uno un granchio se lo prende,

e tre soli ne restar.

 

I tre poveri negretti

allo zoo vollero andar:

uno l'orso ne abbrancò,

e due soli ne restar.

 

I due poveri negretti

stanno al sole per un po':

un si fuse come cera

e uno solo ne restò.

 

Solo, il povero negretto

in un bosco se ne andò:

ad un pino s'impiccò,

e nessuno ne restò."



 

In inglese:


 

"Ten little Injuns standin' in a line,

One toddled home and then there were nine;

Nine little Injuns swingin' on a gate,

One tumbled off and then there were eight.

Eight little Injuns gayest under heav'n.

One went to sleep and then there were seven;

Seven little Injuns cuttin' up their tricks,

One broke his neck and then there were six.

Six little Injuns all alive,

One kicked the bucket and then there were five;

Five little Injuns on a cellar door,

One tumbled in and then there were four.

Four little Injuns up on a spree,

One got fuddled and then there were three;

Three little Injuns out on a canoe,

One tumbled overboard and then there were two.

Two little Injuns foolin' with a gun,

One shot t'other and then there was one;

One little Injun livin' all alone,

He got married and then there were none"




Se ti è piaciuto Dieci piccoli indiani ti consiglio:


- Il natale di Poirot (A. Christie, 1939; Mondadori, 1940)

- C'è un cadavere in biblioteca (A. Christie, 1942; Mondadori, 1948)

- Assassinio sull'Orient-Express (A. Christie, 1934; Mondadori, 1935) 

- L'assassinio di Roger Ackroyd (A. Christie, 1926; Mondadori, 1937)

- Nella mia fine è il mio principio  (A. Christie, 1967; Mondadori, 1968)

- Il terrore viene per posta (A. Christie, 1942; Mondadori, 1942)




Categories: - Luglio 2013